Pubblichiamo una ultimissima pronuncia della Corte di Cassazione in una delle materie in cui è obbligatorio il tentativo di mediazione civile con l’ausilio di un mediatore professionista.

“Nemo Iudex sine Mediatore” – Centro Studi Primavera Forense sulla Mediazione Civile



Rimborso nei casi di malasanita: la mediazione civile tramite Primavera Forense è un'ottima soluzioneRESPONSABILITÀ MEDICA E SANITARIA

La disciplina di cui all’art. 33, comma 2, lettera u), del D.lgs. n. 206 del 2005, concernente il foro del luogo di residenza del consumatore, è inapplicabile ai rapporti tra pazienti e strutture ospedaliere pubbliche o private operanti in regime di convenzione con il servizio sanitario nazionale: sia perché, pur essendo l’organizzazione sanitaria imperniata sul principio di territorialità, l’assistito può rivolgersi a qualsiasi azienda sanitaria presente sul territorio nazionale, sicché se il rapporto si è svolto al di fuori del luogo di residenza del paziente tale circostanza è frutto di una sua libera scelta, che fa venir meno la “ratio” dell’art. 33 cit.; sia perché la struttura sanitaria non opera per fini di profitto, e non può quindi essere qualificata come “imprenditore” o “professionista”.

 

Corte di cassazione, Sez. VI civ. ordinanza 21 luglio 2017, n. 18047

Tribunale di Torre Annunziata, ordinanza 16 dicembre 2015, n. 4838

Accoglie ricorso e dichiara competenza

 

 

#mediazione civile #foro consumatore #responsabilità medica #risarcimento danni